Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Vespasiano Bignami

Bignami Vespasiano

Cremona 1841 / Milano 1929

Pittore, Illustratore, Decoratore, Caricaturista
Biografia

da A.M. Comanducci ediz 1962

Nato a Cremona il 18 agosto 1841, morto a Milano il 28 febbraio 1929. Per dieci anni fu allievo di Enrico Scuri all'Accademia Carrara di Bergamo. Si trasferì a Milano nel 1862 e nei primi anni si guadagnò la vita con vivaci illustrazioni e caricature per giornali e riviste e solo più tardi poté dedicarsi alla pittura incoraggiato dal premio Mylius (1869) pel quadro "Lezione di botanica". Di alcuni suoi quadri di genere, specie all'acquarello, riproducenti scene e costumi dell'ambiente milanese, gli vennero chieste repliche anche dall'estero. Si citano: "Il condannato a morte", "Ai giardini pubblici"; "La festa di San Giorgio", "La pitonessa". Nel 1879 dipinse a fresco gli "Evangelisti" nella chiesa di Rosazza Biellese. più tardi vaste tele decorative pel teatro di Costarica. Nel 1881 il Comune di Milano gli acquistò "Vecchia strada di Maggianico", conservato nella Galleria d'Arte Moderna. Nel 1894 fu premiato a Vienna con medaglia d'oro pel quadro "La Madre del Redentore". Fra i ritratti si citano quello del fraterno amico suo "Amilcare Ponchielli" nel Museo Civico di Cremona, e tre ritratti la figura intera, nella raccolta dei Benefattori dell'Ospedale Maggiore di Milano. Dal 1893 al 1921 tenne, in modo esemplare, l'insegnamento del disegno di figura all'Accademia di Brera. Nel 1872 fondò la Famiglia Artistica che ebbe periodi di vera floridezza, le fu l'animatore di mostre umoristiche e di feste di beneficenza rimaste insuperabili, come «L'Indisposizione di belle arti» del 1881. Scrisse poesie in lingua e in dialetto che ebbero fortuna e, forbito scrittore, pubblicò discorsi e studi critico biografici, preziosi per la storia dell'arte lombarda dell'Ottocento. Fu artista sincero e personale, spirito arguto e animo sensibile al buono non meno che al bello. Sull'urna delle sue ceneri è riportata la dedica della medaglia d'oro che, nel 1923, gli venne offerta dai suoi ultimi scolari: «maestro d'arte e di vita». Fu disegnatore litografo.

 

Partecipa alla Esposizione Nazionale d'Arte a Brera nel 1916 esponendovi il dipinto a tempera "Il canto e le anime".

Bibliografia

A.M. Comanducci - Pittori italiani dell'Ottocento - Milano 1934
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni - II ediz. Milano 1945
A.M. Comanducci - Dizionario illustrato pittori e incisori italiani moderni e contemporanei - III ediz. Milano 1962
L. Servolini - Dizionario illustrato incisori italiani moderni e contemporanei - Milano 1955

Thieme Becker  - Kunstlerlex - 1910

A De Gubernatis - Dizionario artisti italiani viventi - 1889

Illustrazione Italiana - 1887

Firenze artistica - 1874

Natura ed Arte - 1905/06

Die Kunst fur Alle - 1893

Galletti e Camesasca - Enciclopedia della pittura italiana

Opere

Ritratto del padre con violino - Galleria d'Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza


Opere dell'autore Vespasiano Bignami



 

Vuoi vendere un'opera di Vespasiano Bignami?

 

Vuoi comprare un'opera di Vespasiano Bignami?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3