Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Francesco Jacovacci

Jacovacci Francesco

Roma 1838 / Roma 1908

Pittore
Biografia

da A.M. Comanducci

Nato a Roma il 30 gennaio 1838 e morto nella stessa città il 26 giugno 1908. Si dedicò alla pittura storica. Studiò a Roma, allievo di Alessandro Marini, di Alessandro Capalti e di Cesare Fracassini. A Parigi lavorò, con Mariano Fortuny y Marsal, per la Casa Goupil. Profondo nella sua arte, mostrò d'averne compresa tutta l'evoluzione, e nelle sue opere infuse una notevole luminosità di colore, brillante e solido, e tutta la sua conoscenza della natura. Alcuni suoi acquarelli sono pure trattati con maestria e con verità. Direttore della Galleria d'Arte Moderna a Roma, fu anche presidente del Pensionato Artistico, membro dell'Accademia di San Luca e di altre istituzioni artistiche. Sue opere principali: "Il pittore nel suo studio", con la quale esordì, acquistata dal pittore Witer; "Vittoria Colonna", premiata a Torino nel 1881, acquistata per il Palazzo Reale di Capodimonte, e da molti ritenuta il suo miglior lavoro; "Alessandro VI e l'Ambasciatore Veneto"; "Innocenzo X"; "Olimpia Pamphilj"; "Ricordi del passato"; "Bernini", nel Palazzo di Capodimonte; "Il Giustiniani", nella Galleria d'Arte Moderna di Roma; "Cristoforo Colombo", conservata unitamente a un "Episodio della caduta della Repubblica Veneta", nell'Accademia Navale di Livorno. "Addio al passato", nella Galleria d'Arte Moderna di Milano. Negli ultimi anni lo Jacovacci abbandonò la pittura per darsi alla politica.


Opere dell'autore Francesco Jacovacci



 

Vuoi vendere un'opera di Francesco Jacovacci?

 

Vuoi comprare un'opera di Francesco Jacovacci?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3