Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Umberto Moggioli

Moggioli Umberto

Trento 1886 / Roma 1919

Pittore, Incisore
Biografia

da A. M. Comanducci
Nato a Trento il 25 giugno 1886, morto a Roma il 26 gennaio 1919.
Sovvenuto economicamente da fidenti ammiratori, per l'interessamento di Bartolomeo Bezzi potè studiare all'Accademia di Venezia, discepolo di Guglielmo Ciardi e di Augusto Sezanne.
Sotto la guida di quest'ultimo, collaborò alla decorazione della Cassa di Risparmio di Rovereto, e divenne in breve abile nella pittura a fresco.
Ma più mostrò le sue qualità personali nel paesaggio e nella figura, nelle quali ebbe modo di manifestare le sue possibilità di colorista.
Nel 1908 ordinò una mostra individuale a Ca' Pesaro in Venezia, e nel 1909 espose a quella Biennale "Sole d'inverno", in cui un insignificante angolo del Lido rivive e acquista fascino per opera dell'artista.Dopo aver partecipato anche l'anno dopo alla Internazionale, con "A Villa Glori", nel 1912 ordinò a Ca' Pesaro, un'altra personale, nella quale presentò al pubblico quattordici opere: "Paesaggi lagunari di Burano", di "San Francesco del Deserto", di "Tre Porti", quali li vedeva l'artista dalla sua casetta, sulla cui facciata una lapide lo ricorda «pittore francescano - d'acque e di stelle - d'alberi e di cieli - nella laguna deserta».
Scoppiata la prima guerra europea egli accorse volontario; ma, in seguito a malattia contratta in trincea, dovette tornare, e soggiornò sul Lago di Garda, e poi a Roma, dove morì.
Tardo riconoscimento del suo valore, le principali gallerie si assicurarono sue opere, e "Il giglio rosso" e "Primavera nel Veronese" sono nella Galleria d'Arte Moderna di Roma; "L'americanina", in quella di Milano; "Idillio primaverile", in quella di Venezia; "La moglie al sole", nella Galleria Capitolina di Roma.
Nel 1920 all'Internazionale Veneziana gli fu riservata una sala, nella quale, oltre le citate, figurarono: "San Francesco del Deserto", appartenente al sig. Everardo Gasparetti di Venezia; "Case e orti a Burano"; "Biancospino"; "Strada a Tre Porti"; "Siesta"; "La casa dell'artista"; "Mattino d'inverno"; "Pioggia a Rocca di Papa"; "I pagliai, Carpegna"; "L'aratura"; "Natura morta"; "L'eremita ortolano"; "A Villa Strohlfern".
Altri dipinti del Moggioli: "Sera a Mazzorbo"; "Cipressi veronesi"; "Il convento di San Bonaventura sul Palatino"; "Fiori sotto la pioggia".
Alla Mostra dei Quarant'anni (Venezia, 1935) eranvi esposte diciotto opere.
Fu anche sensibilissimo incisore per litografia.
Si ricordano il gruppo di 5 litografie nelle quali cercò di tradurre le sue impressioni d'un sommesso lirismo così in "Mormorio del ruscello" e nella "Fanciulla al lavoro".



Bartolomeo Bezzi (bio)
Guglielmo Ciardi (bio)
Augusto Sezanne (bio)


Opere dell'autore Umberto Moggioli



 

Vuoi vendere un'opera di Umberto Moggioli?

 

Vuoi comprare un'opera di Umberto Moggioli?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3