Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Francesco Jerace

Jerace Francesco

Polistena - Reggio Calabria 1854 / Napoli 1937

Pittore, Scultore
Biografia

da Le Biennali di Venezia - Esposizione 1895, 1897 e 1909
Mostra Individuale di Francesco Jerace (1909)
Scultore di alto valore, nacque a Polistena nel 1853; vive a Napoli.
Fece i primi studi sotto l'avo materno Francesco Morani poi entrò nel R. Istituto di Belle Arti a Napoli.
Già nel 1878, all'Esposizione universale di Parigi, si segnalava col gruppo «Eva e Lucifero».
A Torino nel 1880, furono ammirati e premiati «Victa» e «Germanicus».
Ricordiamo ancora di volo: la statua del Vigliena, l'eroico prete calabrese; la scala monumentale del Palazzo del Principe di Sirignano; le decorazioni per la Villa Fiorita del Meuricoffre; il monumento al filosofo Fiorentino, eretto a Catanzaro; il Beethoven esposto a Venezia nel 1895 e destinato al Conservatorio musicale di Napoli; il monumento a Gaetano Donizzetti a Bergamo, con la bella rappresentazione simbolica della Melodia.
Opere di Francesco Jerace sono la statua di Vittorio Emanuele una delle otto figure storiche che ornano la facciata del Palazzo Reale di Napoli; la statua di Federico II. che ornerà il frontone del nuovo Palazzo Universitario in quella Città.
Egli sta ora eseguendo uno dei grandi gruppi del Monumento a Vittorio Emanuele in Roma «L'Azione», dove sono rappresentate plasticamente tutte le energie combattive che contribuirono al risorgimento della patria.
Francesco Jerace possiede veramente l'esuberanza meridionale.
E' un artista rapido, immaginoso, che passa con facilità da un genere all'altro.
Egli congiunge due virtù che parrebbero escludersi, perché ha il senso delle grandi linee mosse agitate e drammatiche, e insieme quello della dolcezza e della morbidità.
Se i suoi ritratti d'uomo sono di una rara evidenza robusta (tutti rammentano il busto di Francesco Crispi, in cui rivive lo spirito fiero e pensoso dell'eminente statista), quelli di donna hanno una grazia incantevole di modellato e di espressione.
Certe sue teste femminili schiudono le labbra a quel senso gioioso e luminoso della vita, per cui il poeta chiamò «riso» la bocca.
 

Partecipa, nel 1904, all'Esposizione Italiana "Italian Exhibition Earl's Court" a Londra, organizzata dalla Italian Chamber of Commerce a Londra, esponendovi le sculture "Carmosina" e "Velia".

La sua scultura in marmo "A Montevergine,Testa  di popolana con collana", è conservata presso la Galleria d'Arte Moderna di Genova.




Francesco Morani (bio)


Opere dell'autore Francesco Jerace



 

Vuoi vendere un'opera di Francesco Jerace?

 

Vuoi comprare un'opera di Francesco Jerace?

 

utilizza l'apposito modulo di contatto qui sotto


Puoi caricare delle immagini da allegare al messaggio:

Seleziona immagine n.1
Seleziona immagine n.2
Seleziona immagine n.3