Questo sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Clicca su Informativa cookies per approfondire.

Un accampamento

Mantegazza Giacomo (Saronno - Varese 1853 / Cernobbio - Como 1920)

Tecnica: Olio su tavola
Misure: 25cm x 35cm

Opera firmata in basso a destra


Giacomo Mantegazza

Mantegazza Giacomo

Mantegazza Giacomo (Saronno - Varese 1853 / Cernobbio - Como 1920)

Pittore, Illustratore

da A. M. Comanducci ediz. 1962
Nato a Saronno il 14 gennaio 1853. Morto a Cernobbio il 19 gennaio 1920.
Protetto da Gerolamo Induno, presso il quale trovavasi alloggiato in qualità di garzone, s'iscrisse poi all'Accademia di Brera, allievo di Giuseppe Bertini.
Dotato di fantasia e fecondità, i suoi quadri di genere ebbero il favore del pubblico, per la felice trovata delle composizioni.
Espose a Brera il suo primo dipinto, "Zingari"; in seguito eseguì "Torototela"; "Sposalizio in Lombardia", esposto e venduto a Parigi; "Una romanza", acquistato dal Re; "Amore ed inganno"; "Battaglia di Solferino"; "Dopo la battaglia di San Martino"; "Chi la fa l'aspetti"; "Bibliofili"; "Bagni"; "In attesa di un sì"; "Nota stonata".
Suoi affreschi trovansi a Saronno nel Santuario della Vergine dei Miracoli.
Nell'Archivio Storico di Milano è collocato il suo quadro "A colloquio tra Carlo Porta e Tommaso Grossi".
Alla Galleria d'Arte Moderna di Milano si conserva il "Ritratto della Contessa Casati".

Il suo dipinto Allegoria in memoria di Alessandro Boschetti è conservato nelle Raccolte d'Arte dell'Ospedale Magiore di Milano.

Giuseppe Bertini (bio)
Gerolamo Induno (bio)



 

Desideri ulteriori informazioni sull'opera "Un accampamento" di Giacomo Mantegazza?

Compila il modulo di contatto qui sotto


Per qualsiasi genere di informazioni puoi contattarci scrivendo alla nostra mail info@galleriarecta.it

Oppure puoi venirci a fare visita direttamente in galleria in via dei Coronari 140 - 00186 - Roma